sostienici noi

Un contributo volontario per sostenere chi, come Noi Caserta, sta cercando di cambiare il modo di fare informazione in provincia di Caserta. È su queste basi che abbiamo deciso di lanciare il "crowd funding", grazie al quale i nostri lettori, potranno finanziarie le inchieste, i reportage, le interviste che quotidianamente offriamo gratuitamente.

Una rivoluzione che mira, soprattutto, a dare sostegno a chi, come noi, ha deciso di dedicare la propria vita per permettere a tutti di essere sempre aggiornati, 24 ore su 24, su ciò che accade su tutto il territorio della provincia di Caserta.

Anche tu puoi aiutarci ad avere un`informazione dalle "mani libere" e rendere ancora più forte la nostra indipendenza utilizzando il tasto sottostante “donazione”. Il tutto nella massima sicurezza , utilizzando il circuito di transazione garantito PayPal.

Bastano pochi click per essere liberi.

1.Non ho Paypal e non voglio usare carta di credito. Come faccio a sostenervi?

Se non sei in possesso di un conto paypal e non hai una carta di credito (o preferisci non usarla), invia il tuo contributo è ugualmente semplice ed immediato.

Ti basterà infatti effettuare un bonifico a "Associazione Arsenali Culturali"
IBAN IT 19 E 07601 14900 001008836833

2.Ci sono cifre massime o minime che si devono donare?
La donazione è libera.
Ognuno può donare secondo le sue possibilità
3.La donazione è anonima?
Si, se si sceglie di rimanere anonimi.
No. se lo si sceglie e successivamente verrà inserito in un elenco pubblico dei donatori.
4.Come verranno impiegate le donazioni?
Serviranno per sostenere le spese per far crescere l`informazione di noi.caserta.it, e retribuire coloro che vi lavorano.
Per qualsiasi alro chiarimento, scrivi a
crowdfunding@noi.caserta.it
Approvata in Consiglio la regolarizzazione degli alloggi, Taglialatela: il voto arriva con mesi di ritardo
Immagine Approvata in Consiglio la regolarizzazione degli alloggi, Taglialatela: il voto arriva con mesi di ritardo NAPOLI CITTA' - ''Nella serata di ieri finalmente il consiglio comunale di Napoli, con la determinate posizione del gruppo comunale di Fratelli d'Italia, ha votato la delibera con la quale ha deciso di aderire alla legge regionale sulla regolarizzazione degli occupanti senza titolo di alloggi popolari. Il voto arriva dopo mesi di ritardi e di polemiche con la demagogica posizione del sindaco de Magistris che tuonava contro la sanatoria e poi sosteneva che occorreva aiutare la povera gente''. Lo dice il deputato di Fratelli d'Italia, Marcello Taglialatela. ''La legge regionale in questione e' stata - aggiunge Taglialatela - una mia volonta' fatta propria anche dal presidente Caldoro. Come assessore regionale alle politiche abitative presi atto che negli anni scorsi migliaia di cittadini in attesa di una graduatoria in perenne ritardo avevano occupato case ancora libere e la legge concede la possibilita' solo a quanti si trovano nelle condizione di mancanza di precedenti penali ed in possesso di un reddito familiare al di sotto di 11.000 euro di sanare la loro posizione. La camorra e la malavita - conclude Taglialatela-, con buona pace di de Magistris, non ci 'azzeccano' proprio nulla''.