sostienici noi

Un contributo volontario per sostenere chi, come Noi Caserta, sta cercando di cambiare il modo di fare informazione in provincia di Caserta. È su queste basi che abbiamo deciso di lanciare il "crowd funding", grazie al quale i nostri lettori, potranno finanziarie le inchieste, i reportage, le interviste che quotidianamente offriamo gratuitamente.

Una rivoluzione che mira, soprattutto, a dare sostegno a chi, come noi, ha deciso di dedicare la propria vita per permettere a tutti di essere sempre aggiornati, 24 ore su 24, su ciò che accade su tutto il territorio della provincia di Caserta.

Anche tu puoi aiutarci ad avere un`informazione dalle "mani libere" e rendere ancora più forte la nostra indipendenza utilizzando il tasto sottostante “donazione”. Il tutto nella massima sicurezza , utilizzando il circuito di transazione garantito PayPal.

Bastano pochi click per essere liberi.

1.Non ho Paypal e non voglio usare carta di credito. Come faccio a sostenervi?

Se non sei in possesso di un conto paypal e non hai una carta di credito (o preferisci non usarla), invia il tuo contributo è ugualmente semplice ed immediato.

Ti basterà infatti effettuare un bonifico a "Associazione Arsenali Culturali"
IBAN IT 19 E 07601 14900 001008836833

2.Ci sono cifre massime o minime che si devono donare?
La donazione è libera.
Ognuno può donare secondo le sue possibilità
3.La donazione è anonima?
Si, se si sceglie di rimanere anonimi.
No. se lo si sceglie e successivamente verrà inserito in un elenco pubblico dei donatori.
4.Come verranno impiegate le donazioni?
Serviranno per sostenere le spese per far crescere l`informazione di noi.caserta.it, e retribuire coloro che vi lavorano.
Per qualsiasi alro chiarimento, scrivi a
crowdfunding@noi.caserta.it
Omicidio, mandato d’arresto per il figlio di ‘Ciruzzo o’ milionario’
Immagine Omicidio, mandato d’arresto per il figlio di ‘Ciruzzo o’ milionario’ NAPOLI CITTA' - Figlio di un boss di Secondigliano accusato per un omicidio commesso 10 anni fa. Si tratta di Nunzio Di Lauro, di 28 anni, all'epoca del fatto minorenne, attualmente detenuto per associazione finalizzata al traffico di sostanze stupefacenti. Il padre è Paolo, meglio conosciuto come "Ciruzzo o' milionario". Emesso dal gip del tribunale per i minorenni, il provvedimento è stato eseguito dagli agenti della sezione criminalità organizzata della squadra mobile di Napoli. Le indagini, che hanno avuto riscontro anche da dichiarazioni di collaboratori di giustizia, hanno permesso di acquisire elementi di responsabilità nei confronti del giovane che, in concorso con un'altra persona, non ancora identificata, uccise a colpi di arma da fuoco, il ventenne Domenico Fulchignoni, che era in procinto di diventare genero di Pasquale Salomone, esponente del clan Licciardi. L'omicidio avvenne, il 28 luglio 2003, nella zona della Masseria Cardone, a Napoli, e scaturì da una lite tra Nunzio Di Lauro e la vittima che aveva offeso il clan Di Lauro affermando che "non erano nessuno".