sostienici noi

Un contributo volontario per sostenere chi, come Noi Caserta, sta cercando di cambiare il modo di fare informazione in provincia di Caserta. È su queste basi che abbiamo deciso di lanciare il "crowd funding", grazie al quale i nostri lettori, potranno finanziarie le inchieste, i reportage, le interviste che quotidianamente offriamo gratuitamente.

Una rivoluzione che mira, soprattutto, a dare sostegno a chi, come noi, ha deciso di dedicare la propria vita per permettere a tutti di essere sempre aggiornati, 24 ore su 24, su ciò che accade su tutto il territorio della provincia di Caserta.

Anche tu puoi aiutarci ad avere un`informazione dalle "mani libere" e rendere ancora più forte la nostra indipendenza utilizzando il tasto sottostante “donazione”. Il tutto nella massima sicurezza , utilizzando il circuito di transazione garantito PayPal.

Bastano pochi click per essere liberi.

1.Non ho Paypal e non voglio usare carta di credito. Come faccio a sostenervi?

Se non sei in possesso di un conto paypal e non hai una carta di credito (o preferisci non usarla), invia il tuo contributo è ugualmente semplice ed immediato.

Ti basterà infatti effettuare un bonifico a "Associazione Arsenali Culturali"
IBAN IT 19 E 07601 14900 001008836833

2.Ci sono cifre massime o minime che si devono donare?
La donazione è libera.
Ognuno può donare secondo le sue possibilità
3.La donazione è anonima?
Si, se si sceglie di rimanere anonimi.
No. se lo si sceglie e successivamente verrà inserito in un elenco pubblico dei donatori.
4.Come verranno impiegate le donazioni?
Serviranno per sostenere le spese per far crescere l`informazione di noi.caserta.it, e retribuire coloro che vi lavorano.
Per qualsiasi alro chiarimento, scrivi a
crowdfunding@noi.caserta.it
Rapina in casa un anziano prendendolo a martellate, un arresto a Napoli
Immagine Rapina in casa un anziano prendendolo a martellate, un arresto a Napoli NAPOLI CITTA' - La polizia a Napoli ha arrestato un rapinatore che insieme a un complice ha aggredito e ferito un anziano nella sua abitazione. Gli agenti del commissariato del quartiere di Chaiano hanno sottoposto a un provvedimento di fermo Johnson Oppong, sudanese di 35 anni, ritenuto responsabile di tentato omicidio e rapina aggravata, in concorso con un'altra persona da identificare, ai danni di un uomo di 67 anni. L'episodio nel pomeriggio di ieri. Il 67enne stava riposando quando, nella sua abitazione in via Vecchia Napoli, e' stato sorpreso da due persone di colore. Uno dei due, poi identificato per Oppong, lo ha colpito al volto con un martello provocandogli la rottura del setto nasale e una notevole fuoriuscita di sangue; ma la vittima ha continuato a opporre resistenza e così lo hanno percosso anche un punteruolo e il collo di una bottiglia rotta, riuscendo alla fine a prendergli dalle tasche dei pantaloni 400 euro e a scappare in sella a un ciclomotore. Nonostante tutto, il 67enne ha riconosciuto uno dei due aggressori che aveva anche invano inseguito. Alla polizia ha indicato Oppong, che a lui era noto con il nome di John e che aveva effettuato dei lavori di tinteggiatura nel suo appartamento, rivelando il luogo ove il sudanese lavorava, un'autorimessa ai confini con il comune di Mugnano. Agenti si sono quindi recati nel garage dove, però non lo hanno trovato. L'anziano, dopo essere stato medicato all'ospedale Cardarelli, si e' recato in commissariato per sporgere denuncia, e qui poco dopo si e' presentato Oppong, accompagnato dal titolare dell'autorimessa, immediatamente riconosciuto dal 67enne. All'interno dell'abitazione, ritrovati e sequestrati il martello, il manico del punteruolo e il collo rotto della bottiglia.